m2Magazine

Berlino ha deciso: il Tempelhofer Feld non si tocca!

29/5/2014

Nel 2008 è stata decisa la chiusura definitiva dell’aeroporto di Tempelhof. Da allora l’area è stata aperta al pubblico e utilizzata come parco o come pista per skateboard, rollerblade, kite ecc. in attesa di un progetto di riconversione definitivo.
Unico problema: i berlinesi si sono subito innamorati di questo spazio aperto nel centro della città e non vogliono più rinunciarci.
Si è dunque arrivati ad un referendum cittadino per decidere cosa ne sarà di questa enorme area. Lo scorso 25 maggio i berlinesi si sono espressi a favore del mantenimento dell’area del dismesso aeroporto di Tempelhof. Uno smacco per i maggiori partiti politici che governano la città, i quali avevano in progetto di riconvertire l’area in zone commerciali e residenziali.
Gli appartamenti disponibili in città sono sempre meno e la richiesta sempre maggiore. Si prevede che entro il 2025 la popolazione berlinese crescerà di 250.000 unità, il che si traduce nella necessità di 14.000 nuove abitazioni ogni anno.
Per questo motivo l’area del vecchio aeroporto, geograficamente così centrale, era sembrato il luogo ideale per costruire nuove abitazioni che avrebbero contribuito anche a calmierare l’aumento costante degli affitti. Dal 2005 al 2013 infatti, secondo l’Institut der Deutschen Wirtschaft di Colonia, gli affitti nella capitale sono aumentati del 25%.
Secondo alcuni esperti, la decisione di mantenere l’immensa area di Tempelhof come parco pubblico, significherà spostare gli investimenti immobiliari nelle zone periferiche della città con la conseguenza che gli appartamenti dentro il Ring aumenteranno di valore.
Mai come adesso è il momento di investire a Berlino!